Torna alla homepage
i software gestionali professionali
|Skype|Email
Saremo disponibili
oggi a partire dalle ore 9.

 

Vedi tutte le domande su:

oppure

cerca   in

FAQ su Studio
Generale

1. "Come gestire le cartelle cliniche con Studio ?"

Studio può associare ad ogni paziente una cartella clinica creata con Word (o con altro programma). Questo è il modo per farlo, passo passo:

a) creare con Word (o altro programma) la cartella clinica per un paziente, e salvarla in una cartella a propria scelta

b) dal menù principale di Studio > "Pazienti, lavori, documenti" > scegliere il paziente che interessa > cliccare col tasto destro nello spazio relativo alla colonna "Cart.Clinica" e cliccare su "Importa"

importazione cartelle cliniche

c) scegliere il file creato al punto a) e confermare. Si può anche scegliere se cancellare il file originale.
Il file selezionato verrà copiato nella cartella "cartelle_cliniche" di Studio e rinominato opportunamente in modo da associarlo al paziente in questione.

ATTENZIONE: il file NON DEVE ESSERE IN USO al momento in cui si fa l'importazione. Ad esempio, se stiamo importando un documento di Word, assicurarsi che Word sia CHIUSO o che comunque il documento che si sta importando NON SIA APERTO sotto Word.

d) una volta associata una cartella clinica ad un paziente, nella colonna "Cart.Clinica" apparirà un segno di spunta

e) per aprire una cartella clinica, premere il tasto F12 una volta evidenziato il paziente che interessa, oppure cliccare col tasto destro nello spazio relativo alla colonna "Cart.Clinica", quindi cliccare su "Apri"

f) per cancellare una cartella clinica, cliccare col tasto destro nello spazio relativo alla colonna "Cart.Clinica", quindi cliccare su "Cancella". Verrà chiesta una doppia conferma, quindi il file verrà eliminato.

g) se si desidera vedere il nome di file con cui è stata memorizzata la cartella clinica, cliccare col tasto destro nello spazio relativo alla colonna "Cart.Clinica" quindi cliccare su "Visualizza nome". Verrà visualizzato il nome del file e, contestualmente, aperta una finestra di Risorse del Computer che punta alla cartella con i documenti. Individuare il file e farne ciò che si desidera (ad esempio rinominarlo - facendo attenzione a non modificare la parte iniziale del nome, compresa tra parentesi -, oppure spostarlo altrove, ecc.).

N.B. L'apertura, la visualizzazione del nome del file, e la cancellazione delle cartelle cliniche sono operazioni protette da due specifici diritti di accesso, selezionabili dal Supervisore, utente per utente, da menù principale > utilità > utenti e password.

Keywords: studio "cartelle cliniche" cartella cartelle cliniche

2. Uso della tessera sanitaria per inserire o cercare pazienti.

E' necessario innanzitutto acquistare dalla Nexus Technologies il kit di lettore di tessera sanitaria + relativo software (clicca qui per dettagli).

Fatto ciò, nel software "Tessera sanitaria" fornito dalla Nexus, è necessario impostare come profilo attivo e predefinito la stringa che vi avremo indicato, copincollandola esattamente.
Assicurarsi quindi che il programma sia attivo e funzionante nella traybar (vicino all'orologio, cioè).
Questo è tutto, dal punto di vista della configurazione.
Nel gestionale non è necessario fare nessuna impostazione di nessun genere, è sufficiente aprire la scheda di paziente (nuovo o già esistente) e strisciare la tessera sanitaria, oppure premere il pulsante per acquisire i dati da tessera sanitaria (è indifferente), per ritrovarsi la scheda compilata con i dati in questione.
Per eseguire la ricerca di un paziente, in modo analogo, basta avere davanti la griglia con i pazienti, e strisciare la tessera sanitaria: verrà identificato, se presente, il paziente i cui dati corrispondano a quelli contenuti sulla tessera.

Keywords: tessera sanitaria nexus ricerca cliente paziente inserimento dati

3. "Dalla pagina "allegati", usando "apri allegato", con un allegato PDF, questi non viene aperto, nonostante ci sia Adobe Reader installato e qualunque altro PDF, al di fuori del programma, si apra correttamente"

Eliminare Adobe AIR dalla esecuzione automatica (si può fare con un software come CCleaner), e terminarlo dall'elenco dei processi attivi.

Keywords: pdf adobe reader acrobat air allegato allegati

4. "Ho aggiunto un nuovo utente alla tabella degli utenti di Studio, ma collegandomi con il nuovo utente e andando nell'elenco dei pazienti, vedo che è marcato "accesso negato" a tutte le schede. Come mai? Cosa devo fare?"

E' una misura di sicurezza: l'accesso è negato per default a tutte le schede paziente, e va autorizzato espressamente. Si può fare in due modi:
1) cliccando col tasto destro sulla scheda cui si vuole dare accesso al nuovo utente e scegliendo, dal menù, l'opzione per garantire l'accesso alla scheda
2) selezionando gruppi di schede (premendo "spazio" sulla griglia dei pazienti, su ogni paziente che interessa, oppure, dall'opzione in basso, con "seleziona tutti", eventualmente dopo aver applicato un filtro ai pazienti), quindi autorizzare (o negare) l'accesso sempre cliccando col tasto destro su un paziente e scegliendo l'opzione per garantire l'accesso, confermando poi di seguito che l'opzione va applicata a tutta la selezione
Per la conferma o la negazione dell'accesso, a titolo di misura di sicurezza, sarà sempre necessario inserire la password del Supervisore.

Keywords: utente utenti schede scheda paziente pazienti

5. Cosa è, e come funziona la gestione degli acconti a fornitori e da pazienti in Studio ?

La gestione degli acconti in Studio è pensata per tutte quelle attività dove si incassino pagamenti parziali da pazienti oppure si paghino acconti a fornitori senza ricevere o emettere, per il momento, ricevuta/fattura a riguardo. Tipica è ad esempio la ricezione di acconti parziali a fronte di uno o più preventivi, oppure di più ricevute già emesse. In questi casi risulta necessario tenere una contabilità sia delle somme incassate che pagate, come pure dei documenti da cui poi queste saranno scorporate.

Consideriamo ad esempio gli acconti ricevuti dai pazienti, e facciamo un esempio pratico di come si gestiscono: un paziente ci paga nel giro di pochi giorni girandoci due assegni ad acconto di prestazioni in corso di svolgimento ma non ancora completate. Non gli emettiamo alcuna ricevuta, al momento, ma vogliamo che gli acconti vengano poi contabilizzati al momento di emettere ricevuta.
In Studio gestire questa situazione è estremamente semplice: ci si posiziona sul paziente in questione, si preme il pulsante "Acconti" > pulsante "Nuovo" > si compila la scheda con data, descrizione (ad esempio numero dell'assegno) e importo relativi al pagamento ricevuto > e si conferma. Si ripete l'operazione in caso di altri acconti incassati.
Al momento di emettere la ricevuta al paziente, dopo aver compilato il dettaglio della ricevuta, si andrà nella pagina "pagamenti" del documento, e si premerà il pulsante "Usa acconti". Verrà generato automaticamente un pagamento di importo pari a quello della ricevuta, se gli acconti sono sufficienti, oppure pari all'importo degli acconti, se questi non sono abbastanza per la quietanza del documento. Nella tabella degli acconti (del pannello dei pazienti > pulsante "Acconti") verrà registrato l'acconto utilizzato. I pagamenti generati automaticamente in ricevuta non sono modificabili, a differenza degli altri pagamenti, ma sono cancellabili, nel caso in cui si cambiasse idea e non si volesse più utilizzare un acconto rilasciato dal paziente.

Per quanto riguarda gli acconti a fornitore, il discorso è analogo ma, ovviamente, al contrario. Gli acconti pagati al fornitore, in quel caso, potranno essere scorporati dalle fatture di acquisto ricevute dallo stesso.

Keywords: acconti fornitori pazienti pagamenti fattura fatture ricevute fiscali

6. Come gestire i pagamenti rateali con Studio?

Esempio: un paziente origina una prestazione da 400 euro, che vuole dividere in 4 rate, a fine mese. In Studio registriamo 4 fiche (ad indicare prestazioni "sospese", eseguite o da eseguire, ma comunque non ancora fatturate/fatturabili) da 100 euro ciascuna, ognuna in data di fine mese. Al momento del pagamento, la specifica fiche viene convertita in ricevuta (con l'apposita opzione del pulsante "modifica"), e l'incasso di conseguenza contabilizzato e registrato in primanota. Per vedere le scadenze pregresse non ancora onorate, oppure future, basta filtrare le sole fiche (di un certo paziente oppure di tutti) tramite il pulsante "Elenco lavori".

Keywords: pagamenti ricevute rate

Se non trovi risposta inviaci direttamente la tua domanda:
(compilare tutti i campi)

Nome o ragione sociale:

Domanda:

(casella di controllo anti-bot) indica sotto la somma di 2+2: